Smell
ATELIER di ARTI OLFATTIVE

Smell Magazine 14

E dedicato al tema RIVOLUZIONE il nuovo numero di Smell Magazine. Giunta al suo quarto anno di vita, la rivista è più vitale che mai e si propone di stimolare i lettori con approfondimenti su temi di attualità, storia, arte olfattiva, botanica, letteratura e altro ancora. La copertina del n° 14 è opera di Massimo Alfaioli. Tra le sue pagine, il profumo Karyophyllum realizzato per la rivista da Joseph Caruso.
Per acquistare l’abbonemento a 4 numeri di Smell Magazine seguire questo link.
Per il numero singolo >> questo link.

La rivista viene spedita tramite il servizio “piego di libri” di Poste Italiane.

Smell Magazine n° 13

Gli odori e i profumi posso parlarci come ci parlano i racconti mitologici, le leggende e le fiabe. In un modo ricco e figurato che esprime più di quanto possano fare la cronaca e il crudo realismo. Un modo immaginativo che apre scorci su cognizioni altrimenti inesprimibili. Ci parlano così perché la loro comunicazione non è verbale, ma evocativa e la loro percezione si poggia su un immaginario ancestrale, fatto di archetipi profondamente radicati nel nostro essere.

Il tema del nuovo Smell Magazine, il primo del 2024, lo avete ormai capito: è la fiaba. E anche il suo numero è molto fiabesco: il 13. La tredicesima fata, nella storia della Bella Addormentata, è quella cattiva che induce la principessa a pungersi con il fuso facendola cadere in un sonno profondo. Si compie così la metamorfosi della bambina in fanciulla, attraverso l’unica via possibile: quella del sacrificio.

Se come ha detto qualcuno: «La vita non è altro che una lunga serie di separazioni», possiamo dire che racconti come questo ci insegnano a vivere, cioè a vincere il terrore di perderci o di smarrire ciò che più amiamo lungo la strada. Il 13 non è solo il numero della separazione che rimanda alla figura della triste mietitrice. Ha anche la caratteristica di contenere il 3, cifra legata alle formule magiche, agli incantesimi, alle preghiere, quindi dotata di un potere speciale. Cenerentola non spicca forse tra le altre due sorelle? La matrigna non fa tre tentativi per mettere fuori gioco Biancaneve, dei quali la mela è l’ultimo? E Dorothy non dovrà battere i tacchi tre volte per tornare nella sua casetta del Kansas?

Il tre occorre a dare ritmo alle storie e, di solito, la terza è sempre la volta buona. Se le fiabe ci aiutano ad attraversare le nostre paure, forse anche certi odori possono fare lo stesso. A patto di accettare qualche rischio. Potremmo allora scoprire che la più stregonesca delle piante nasconde un afrodisiaco profumo, o che la più avvizzita delle rose serba il profumo dolcissimo dei ricordi. Seguiteci, vi racconteremo qualche storia.

La fragranze del n° 13 di Smell Magazine è Kryos di Joseph Caruso Illustrazione: © Massimo Alfaioli

>> Acquista la rivista o l’abbonamento

Indice:  Mandragole e filtri d’amore di Francesca Faruolo Racconto d’inverno di Silvia Dassogno Alla corte del re dei profumi di Marilena Vinco Bouquet di fiaba di Azzurra Bergamo Rodopi: la fiaba che profuma di rosa di Silvana Cincotti Favole e fandonie dal naso lungo di Gabriela Guidetti La rosa di Isparta di Mauro Uberti Il naso nei libri di Azzurra Bergamo L’invenzione che profumò il mondo di Francesca Faruolo

Smell Magazine n° 12

Il n° 12 di Smell Magazine è dedicato al tema del lavoro.
Un tempo, l’odore associato alla professione era un marchio indelebile che relegava le persone in precisi compartimenti sociali. In seguito, le conquiste dell’igiene e della cosmesi hanno dato la possibilità di annullare o riscrivere le nostre identità olfattive. Tuttavia ci sono odori che non possono e non vogliamo cancellare dai nostri corpi e dagli ambienti. Sono quelli che riguardano i mestieri artigianali.

Con i suoi articoli di approfondimento tra artestoriacinemaletteraturaprofumi e viaggi, il n° 12 di Smell Magazine stimola i lettori alla scoperta di odori perduti che oggi diventano parte integrante del racconto intorno al lavoro umano e ai suoi prodotti, oltre che ispirazione per numerose fragranze.

>> Acquista la rivista

Indice: 

Gli odori degli artefici di Francesca Faruolo
Humans at Work di Silvia Dassogno
Olfatto tra vita e mestiere di Silvana Cincotti
Ricamare odori di Azzurra Bergamo
Il profumo dei pezzi unici di Gabriela Guidetti
A Night in Perfumeland di Smell Atelier
Provenza, non solo lavanda di Mauro Uberti
Il naso nei libri di Azzurra Bergamo

Fragranza del n° 12: Cliché di Joseph Caruso

Talk a Pitti Fragranze 21

Siamo lieti di invitarvi alla conferenza che lo staff di SMELL MAGAZINE svolgerà il 16 settembre alle ore 15 nello spazio conferenze di PITTI FRAGRANZE. La redazione presenterà un’anteprima degli argomenti trattati nel n° 12 della rivista (trimestre ottobre – dicembre 2023).

HUMANS AT WORK
Il lato olfattivo delle nostre vite professionali
Con Francesca Faruolo, Gabriela Guidetti, Silvia Dassogno

Un tempo l’odore del lavoro era un marchio indelebile che relegava le persone in precisi compartimenti sociali. In seguito, le conquiste dell’igiene e della cosmesi hanno dato la possibilità di annullare o riscrivere le nostre identità olfattive. Tuttavia ci sono odori che non possono e non vogliamo cancellare dai nostri corpi e dagli ambienti. Sono quelli che riguardano i mestieri artigianali. In questo talk esperienziale, la redazione di Smell Magazine stimolerà il pubblico alla scoperta del cosiddetti “odori perduti” che oggi diventano parte integrante del racconto intorno al lavoro umano e ai suoi prodotti, oltre che ispirazione per numerose fragranze.

Ingresso: Pitti Fragranze è la fiera della profumeria artistica che si svolge a Firenze. L’ingresso è riservato agli addetti ai lavori. Per informazioni o per richiedere l’accredito contattare gli organizzatori.

Smell Magazine n° 11

È uscito il n° 11 di Smell Magazine la rivista italiana di arte e cultura olfattiva. In questo numero facciamo incontrare l’olfatto con il gusto; camminiamo lungo la sottile linea di confine tra sapore e odore; andiamo alla ricerca della nota gourmand e del suo potere evocativo perché, in fondo, la nostra prima educazione olfattiva si compie anche e soprattutto a tavola.

INDICE: 

Aromatiche seduzioni – di Francesca Faruolo
CioccoBarocco – di Joseph Caruso
Profumi sul piatto – di Silvia Dassogno
Abbracci dal Brasile – di Marilena Vinco
Odorando a tavola – di Azzurra Bergamo
L’olfatto è in tavola – di Gabriela Guidetti
Elementi, atomi, molecole, composti – di Margherita Gaviraghi
Il Geranio rosa di Réunion – di Mauro Uberti
Viaggio nella medina della città rossa – di Erica Garbelli
L’invenzione che profumò il mondo – III puntata, di Francesca Faruolo
Il Naso nei Libri – di Azzurra Bergamo

Tra le pagine della rivista puoi annusare:
CIOCCOBAROCCO il profumo creato per noi da Joseph Caruso di Smell Atelier
________________
Francesca Faruolo – Direttrice editoriale

Illustrazione di copertina: Massimo Alfaioli
Grafica, impaginazione a cura di Tiziana Piazzi

 

Smell Magazine n° 9: elemento Aria

Apriamo l’anno 2023 all’insegna della leggerezza.
È infatti all’aria che dedichiamo il n° 9 di Smell Magazine, proseguendo la serie dedicata agli elementi iniziata con il n° 7 in cui ci siamo tuffati nell’acqua, e con il n° 8 in cui abbiamo preso contatto con la terra. Ci facciamo ora trasportare da un elemento particolarmente affine al mondo degli odori e dei profumi. All’aria dobbiamo non solo il dono della vita attraverso il respiro, ma anche quello degli odori. Se le sostanze non fossero in grado di prendere il volo non potremmo crearci una rappresentazione olfattiva del mondo, né godere dei suoi profumi.

Per approfondire il legame tra il senso dell’olfatto e l’elemento aria, ci siamo librate sulle ali degli uccelli: dalla leggendaria fenice al più familiare usignolo, fino a quell’insolito uccello blu che con il proprio olfatto guidava la Nave Bianca di Lovecraft. Non potevamo evitare di fermarci a rifletterci anche sul tema filosofico delle atmosfere e su quello del «controllo dell’aria» nella nostra società. Mutevole, ineffabile e perciò destabilizzante, l’aria è anche un mezzo di propagazione e di comunicazione di cui non potremmo fare a meno nella nostra società iper-connessa.

Le informazioni che il cellulare cattura nell’etere, un tempo le raccoglievamo annusando l’aria, per non dire «il vuoto». E questo gesto ha ancora un significato importante per noi. Può essere, per esempio, un mezzo per orientarsi nello spazio e nel tempo, laddove mancano riferimenti certi. Lo è per gli uccelli, lo è stato anche per noi. E forse lo sarà ancora se saremo capaci di coltivare la nostra intelligenza olfattiva e di riconoscerle l’importanza che merita.

Francesca Faruolo

RINNOVA O REGALA SMELL MAGAZINE

È uscito Smell Magazine n° 5

«Il secondo anno di Smell Magazine si apre con un omaggio al profumo della luce, della gioia e della solarità: quello degli agrumi. È il migliore augurio che potevamo fare a tutti i lettori e le lettrici della rivista in un anno che si carica di nuove speranze e che richiederà forse un po’ di energie supplementari. Il profumo delle esperidi può aiutarci a connetterci con la voglia di vivere, profondamente radicata in ciascuno di noi, e con la forza della natura che da sempre ci nutre e ci ispira. Gli agrumi, al centro dei primi articoli di questo numero, suggeriscono anche una connessione con il tema del corpo, della sensualità e dell’erotismo se è vero che il frutto è da sempre associato alla fertilità e alla procreazione della vita.

Toccheremo, attraverso fonti storiche, testi letterari e opere cinematografiche, il ruolo che gli odori possono giocare nella dinamica di attrazione sessuale e cercheremo gli stereotipi che si annidano dentro le nostre idee riguardo l’odore che un uomo o una donna dovrebbero indossare. Parlare di odori umani è già un atto di rottura nei confronti di un costume sociale che ci induce a nascondere il più possibile le nostre esalazioni naturali. È forse soltanto nell’intimità amorosa che questo tabù può essere violato come ci ricorda l’indimenticabile Vittorio Gassmann nel film Profumo di donna. Una pellicola tanto amata da Vero Kern, creatrice di fragranze che ricordo – a tre anni dalla scomparsa – come maestra di molti di noi che nella ricerca olfattiva hanno trovato un prelibato succo di vita.»

Dalla prefazione di Francesca Faruolo al n° 5 di Smell Magazine, rivista di arte e cultura olfattiva.
Spedizione su abbonamento postale acquistabile qui.

Hanno collaborato a questa pubblicazione:
Massimo Alfaioli, Azzurra Bergamo, Joseph Caruso, Viola Giardino, Gabriela Guidetti.
Illustrazioni: Massimo Alfaioli
Impaginazione e grafica: Tiziana Piazzi

È uscito Smell Magazine n° 4

copertina Smell Magazine - rivista di arte e cultura olfattiva

Illustrazione di Massimo Alfaioli

È uscito il 4° numero di Smell Magazine, il trimestrale di arte e cultura olfattiva distribuito su abbonamento postale. Qui sotto Francesca Faruolo – direttrice editoriale – ci presenta il filo conduttore che lega insieme gli articoli della rivista:

«Se l’olfatto, più di ogni altro senso, rimanda alla condizione animale, in questo numero di Smell Magazine vogliamo provare a fare il balzo dall’altra parte. Come fece il giovane Oliver Sacks un po’ per caso. O come fanno le tante creature semi-umane — orchi, vampiri, zombi — che affollano la letteratura popolare e che rivivono oggi nel cinema. Proviamo a raccontare il mondo dalla loro parte, puramente istintuale. Dove un odore è un comando ineludibile. Dove un odore è un racconto fedele di quella parte di realtà che per noi è solo tenebra. Dove un odore è una traccia da seguire, fino a smascherare il colpevole. Perché se il fiuto ha un che di selvaggio, indomabile e ancestrale, bisogna pur ammettere che un certo grado di civiltà si acquisisce proprio discriminando le 75 varietà di profumo ben note all’investigatore di Baker Street. Il suo fiuto da segugio distingue un arcobaleno di colori che, in un attimo, ci portano al cospetto di un fiore. Chiunque conosca il suo profumo sa che vale davvero la pena affrontare questo viaggio. A costo di sprofondare con il naso un po’ di sotto, mentre l’autunno avanza.»

Informazioni e abbonamenti su www.smellmagazine.it